CIVICO SEZ. ARCHEOLOGICA

La sezione Archeologica del Museo Civico è allestita in alcuni ambienti del palazzo Malatestiano fin dai primi anni del nostro secolo, ed ospita reperti di numerose epoche rinvenuti a Fano nei secoli passati.

Sotto il portico quattrocentesco della Corte Malatestiana, degni di nota sono la grande statua mutila che raffigura l’imperatore Claudio, una statua acefala di togato e un magnifico frammento di statua loricata a calzata di coturno. Qui è stato anche ricomposto il mosaico della pantera (metà del II sec. D.C.)

imperatore claudio - fano mosaico pantera

Negli ambienti interni del piano terra sono custodite numerose vetrine con reperti preistorici, piceni e greci, altre con reperti di epoca romana (ampolle, lacrimatoi, frammenti di vetri, terrecotte, idoletti, spille, anelli ed altro ancora).

Degno di nota è il famoso cippo graccano, testimonianza dell’avvenuta applicazione delle lex sempronia (113 a.C.) anche nel territorio fanese, una statua di giovinetto con toga, alcune teste in pietra e marmo, vari frammenti architettonici e scultorei vari, anfore e l’emblema centrale del mosaico del nettuno con l’incantevole immagine del dio ritto su quadriga tirata da ippocampi (II e III sec. d.C.)

cippo graccano


Visualizzazione ingrandita della mappa