VL Pesaro: a Torino per blindare la salvezza

VL Pesaro: a Torino per blindare la salvezza

Photo by Pexels / Pixabay License

Una vittoria per chiudere in bellezza la stagione dopo un periodo estremamente difficile e blindare la permanenza in Serie A. È questo l’obiettivo con cui la VL Pesaro di coach Boniciolli affronterà in trasferta la Fiat Auxilium Torino domenica 12 maggio alle 20.30 nell’ultima giornata di regular season. Davanti si troveranno due team in un momento difficile ma pronte a darsi battaglia fin dalla palla a due.

Entrambe le squadre sono reduci da una sconfitta. La VL ha perso malamente in casa per 73 a 100 contro la Grissin Bon Reggio Emilia, subendo anche la contestazione dei propri tifosi. Una prestazione negativa, quella dei ragazzi di Boniciolli, mai entrati in partita, in cui si sono salvati soltanto McRee (17 punti per lui) e Lyons (12) e che ha prolungato la striscia negativa a 5 sconfitte consecutive.

 

Non sta meglio la Fiat Auxilium Torino, alle prese con problemi dentro e fuori dal campo. In attesa di capire l’entità della penalizzazione per inadempienze finanziarie che potrebbe mettere la parola fine alle speranze di permanenza in Serie A, i ragazzi di Galbiati hanno collezionato tre battute d’arresto nelle ultime uscite di campionato. L’ultima della serie nel match contro Cantù, terminato 86 a 76 a favore dei lombardi e in cui non sono bastate le ottime prestazioni dell’inossidabile Poeta (17 punti) e di Wilson.

Gli ultimi 5 scontri diretti dicono Torino, con i piemontesi capaci di battere i marchigiani in ben quattro di essi. All’andata, però, finì 102 a 98 per la Vuelle, trascinata nei supplementari dai 33 punti di Blackmon e dai 28 di McRee. Quella che si giocherà al PalaVela sarà una partita estremamente equilibrata anche secondo i pronostici di SkyBet, con le due squadre si daranno battaglia fino all’ultimo quarto vista l’enorme posta in gioco.

Sull’Auxilium, oggi a quota 16 punti, pesa come una spada di Damocle la penalizzazione per inadempienze finanziarie. Se il team sponsorizzato Fiat dovesse ricevere 8 punti di penalità, sarebbe matematicamente retrocessa, ma se la penalizzazione dovesse limitarsi a 6 punti, potrebbe salvarsi battendo la VL Pesaro all’ultima giornata con contemporanea sconfitta di Pistoia contro la Sidigas Avellino, avendo il vantaggio negli scontri diretti. In caso di vittoria biancorossa nulla di fatto, con i piemontesi in A2 e i marchigiani salvi matematicamente.

Nella gara di Torino Boniciolli punterà ancora una volta sul suo quintetto titolare. Lyons e Artis si divideranno i ruoli di playmaker e guardia. Negli spot di ala piccola e ala grande spazio per McRee e Zanotti. Titolare nel ruolo di pivot il lituano Mockevicius. Pronti a cambiare l’inerzia della gara partendo dalla panchina James Blackmon e Dezmine Wells.

Galbiati risponderà con Dallas Moore, capocannoniere di squadra a 16 di media, in regia e con Cotton nell’altro spot di guardia. Le ali saranno Hobson e Wilson mentre il centro titolare sarà ancora una volta James McAdoo, parente dell’indimenticato Bob McAdoo, una delle prime stelle statunitensi a giocare nella nostra Serie A di basket.

Con la gara di Torino si chiude una stagione, quella di Pesaro, dai due volti. Iniziata benissimo con le prime 4 vittorie su 9 gare con Massimo Galli in panchina e poi proseguita male con una serie negativa di sei sconfitte che hanno portato al cambio di guida tecnica e all’arrivo di Matteo Boniciolli. Da quella quindicesima giornata a oggi, i marchigiani sono stati protagonisti di serie di successi importanti alternate a lunghi periodi negativi come quello attuale e non hanno mai trovato quella continuità di rendimento fondamentale per coltivare ambizioni playoff.

Si riparte quindi da qui, dalla conferma del tecnico triestino e da una buona base di giovani che comprende i classe 2000 Conti, Bonci e Tognacci e dal classe 2001 Alessandrini. Partiranno probabilmente verso piazze più importanti Blackmon, Artis e McRee mentre potrebbe rimanere il veterano Lyons. Per riportare la VL ai livelli di un tempo serviranno un grande lavoro sul mercato degli americani e la crescita esponenziale del contingente azzurro, fondamentale anche in chiave Nazionale.